Nuovo contributo a fondo perduto (Decreto "sostegni")

25 marzo 2021

Requisiti soggettivi

Con il recente “Decreto sostegni” (art. 1 del D.L. 41/2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021) il Governo ha introdotto un nuovo contributo a sostegno dei titolari di partita Iva che esercitano attività d’impresa e di lavoro autonomo o titolari di reddito agrario, purché siano residenti o stabiliti in Italia.

Tale contributo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi e dell’Irap.

Con lo stesso provvedimento sono stati approvati il relativo modello dell’istanza e le istruzioni di compilazione. Sul sito web dell'agenzia entrate è inoltre disponibile una guida di approfondimento.

Requisiti oggettivi

Il contributo viene commisurato alla riduzione del fatturato medio mensile 2020 rispetto a quello del 2019. Le condizioni per l’accesso alla richiesta sono di seguito elencate in modo sintetico:

  • nell’anno 2019 il soggetto deve essere aver conseguito un ammontare di ricavi e compensi non superiore a 10 milioni di euro (per determinare ricavi e compensi rimandiamo ai chiarimenti forniti con le circolari n. 15 del 13 giugno 2020 e n. 22 del 21 luglio 2020);
  • deve essere presente uno tra i seguenti requisiti:
  1. importo della media mensile del fatturato e corrispettivi relativa all’anno 2020 inferiore almeno del 30% rispetto all’importo della media mensile del fatturato e corrispettivi relativi all’anno 2019 (rileva anche il corrispettivo maturato dalla cessione di beni ammortizzabili);
  2. attivazione della partita Iva a partire dal 1° gennaio 2019.

Per stabilire le cessioni e prestazioni rilevanti occorre fare ancora riferimento ai chiarimenti delle circolari n. 15 del 13 giugno 2020 e n. 22 del 21 giugno 2020.

Soggetti esclusi dal contributo

  • Soggetti che hanno attivato la partita Iva successivamente al 23 marzo 2021, con eccezione degli eredi che hanno attivato partita Iva successivamente a tale data per proseguire l’attività del deceduto;
  • soggetti che hanno cessato l’attività al 23 marzo 2021;
  • enti pubblici (art. 74 del Tuir);
  • intermediari finanziari e società di partecipazione (art. 162-bis del Tuir).

Soggetti che hanno attivato la p. IVA tra 1 gennaio 2019 e 31 dicembre 2020

In questi casi vengono conteggiati fatturato e corrispettivi con data di effettuazione operazione dal primo giorno del mese successivo all’attivazione della partita Iva.

Esempio: il soggetto dotato di p. Iva dal 5 maggio 2019 dovrà conteggiare fatturato e corrispettivi da giugno a dicembre 2019.

Per questi soggetti, inoltre, se la differenza tra la media mensile del fatturato e corrispettivi dell’anno 2020 e quella dell’anno 2019 è negativa ma inferiore al 30%, ovvero pari a zero o positiva, spetta comunque il contributo (si veda il Provvedimento prot. 82454/2021 del 29/03/21).

Misura del contributo

Si determina applicando una diversa percentuale alla differenza tra l’importo della media mensile del fatturato e corrispettivi 2020 e l’analogo importo del 2019, variabile a seconda del volume di ricavi e compensi 2019:

  • il 60% se il volume non supera 100 mila euro;
  • il 50% se è maggiore di 100 mila ma non di 400mila euro;
  • il 40% se oltrepassa 400 mila ma non 1 milione di euro;
  • il 30% oltre 1 milione e fino a 5 milioni di euro;
  • il 20% se supera 5 milioni ma non 10 milioni di euro.

Massimale e minimali

Il contributo assegnato non può superare il valore di 150.000 euro.

Viene altresì disposto un ammontare minimo di 1.000 o 2.000 euro, rispettivamente per le persone fisiche e per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Modalità di erogazione

A scelta del beneficiario (irrevocabile), l’Agenzia delle entrate può erogare il contributo spettante:

  • mediante accredito su conto corrente bancario o postale, intestato al beneficiario (o cointestato se il beneficiario è una persona fisica);
  • mediante riconoscimento di un credito d’imposta di pari valore, utilizzabile in compensazione tramite modello F24.

Presentazione dell’istanza

Il modello di istanza può essere predisposto e inviato all’Agenzia delle entrate tramite accesso all’area personale del sito "Fatture e corrispettivi" (percorso: contributo a fondo perduto>servizi per compilare e trasmettere l’istanza) a partire dal giorno 30 marzo 2021 e non oltre il giorno 28 maggio 2021.

Archivio news

 

News dello studio

mar25

25/03/2021

Nuovo contributo a fondo perduto (Decreto

Nuovo contributo a fondo perduto (Decreto "sostegni")

Requisiti soggettivi Con il recente “Decreto sostegni” (art. 1 del D.L. 41/2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021) il Governo ha introdotto un nuovo contributo a sostegno

mag8

08/05/2020

Alle imprese il rimborso di spese in DPI: al via il bando INVITALIA

Alle imprese il rimborso di spese in DPI: al via il bando INVITALIA

Per i soggetti impresa (i professionisti sono esclusi) sarà possibile partecipare al bando “Impresa sicura" attivato da Invitalia e ricevere rimborso per spese complessive (almeno pari a

apr10

10/04/2020

La sospensione dei versamenti di aprile dipende dal fatturato

La sospensione dei versamenti di aprile dipende dal fatturato

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL 23/2020 (decreto “liquidità”) ha reso operative le nuove proroghe e sospensioni dei versamenti tributari per il mese di aprile e seguenti. Versamenti

News

nov27

27/11/2021

Riforma fiscale e leggi di Bilancio. 2 strade che si incrociano. Con quali effetti?

Il disegno di legge delega per la riforma

nov27

27/11/2021

La salute dell'economia italiana e la pagella da Fitch

A Ginevra tra lunedì e martedì si svolgeranno

nov22

22/11/2021

Contabilizzazione delle fusioni con impatti sul bilancio consolidato

I gruppi di imprese, soprattutto in questo